Ottima uscita , quella del 19 febbraio  a Milano, con visita museale e agli scavi del Duomo.
La prima visita è stata al museo “Le gallerie”  dove all’interno dei bellissimi palazzi Anguissola e Brentani è stato possibile visitare la mostra del “800” . Molto bella sia la mostra che gli ambienti che la ospitavano.
Successivamente , dopo un breve tempo libero per il pranzo , la visita al battistero di San Giovanni, alle fonti e ai resti della basilica di Santa Tecla che si trovano sotto il sagrato del Duomo di Milano.
Di seguito anche una breve visita all’interno e all’esterno del Duomo simbolo della città .
Le guide , molto professionali, hanno spiegato le origini, i lavori successivi, fino alla situazione attuale. Interessante il particolare della “Madonnina” “punto più alto” città di Milano per antica legge Comunale.

Per la cronaca 50 i partecipanti a questa nuova iniziativa dell’Agorà

 

 

 

Nuova uscita a Milano con visita al nuovo museo milanese: Gallerie d’Italia e all’area archeologica dell’area del Duomo compresa la visita anche all’interno dello stesso.

Orari:

-ore 8,10 ritrovo presso stazione FNM di Camerlata

-ore 8,26 partenza in treno per Milano arrivo 9,20
-ore 10,15 inizio visita Gallerie d’Italia di seguito
pausa pranzo a cura dei partecipanti
-ore 14 ritrovo per visita al Duomo
-ore 17,40 partenza in treno da Milano-Cadorna
-ore 18,32 arrivo a Camerlata

email albateagora@gmail.com

LE GALLERIE D’ITALIA

Da Canova a Boccioni : i capolavori di Fondazione Cariplo e Intesa San Paolo.

L’Ottocento fa veramente spettacolo nel nuovo museo che giovedì 3 novembre ha ufficialmente aperto al pubblico.Negli spazi, già prestigiosi del settecentesco Palazzo Anguissola e dell’adiacente palazzo Brentani, sono a disposizione del pubblico i capolavori dell’Ottocento italiano, con particolare attenzione all’ambiente lombardo.Il percorso espositivo, ampio e articolato, è stato curato da Fernando Mazzocca e ci guida alla scoperta non solo dell’arte ma anche della Milano ottocentesca , capitale culturale , perché protagonista del Romanticismo e della nascente industrializzazione.Le opere provengono dalle collezioni di INTESA S. PAOLO e FONDAZIONE CARIPLO che, nell’ambito di una collaborazione nel segno dell’arte, hanno messo a disposizione i loro tesori al fine di creare un polo culturale di più ampio respiro. Il nuovo museo nasce dall’idea di permettere, anche ai non addetti ai lavori, un sorprendente e avvincente viaggio attraverso l’arte di una nazione in fase di formazione.Attraverso 23 sale e 197 opere si attraversa più di un secolo d’arte, dagli splendidi gessi di Canova fino al le opere prefuturiste di Boccioni.

 

Post Navigation