Un pubblico attento e divertito (Albatesi e non), due medici che esaltano il loro talento creativo attraverso la narrativa (Andrea Vitali e Massimo Picozzi), una Associazione vivace ed efficiente (Agorà, cioè noi): con questi ingredienti, l’esito della serata era già assicurato…

Ma, con grande compiacimento, abbiamo constatato che la realtà ha superato le aspettative!

E’ stato piacevole lasciarci accompagnare ancora una volta nel mondo di Andrea Vitali, abitato da personaggi dai nomi improbabili, attinti da repertori diversi (ambito familiare – le famose “zie”, Calendario di Frate Indovino –preziosa fonte anche di aneddoti e proverbi-, nomi di piante e di fiori ed altri, come ad esempio per “La Serpe”, mamma di Birce, omonima –diciamo noi- della rivista dell’Associazione medici/scrittori italiani).

Questi personaggi, chiamati a vivere abitualmente in quel di Bellano, storie intricate e altrettanto improbabili come i loro nomi, nel recentissimo romanzo “La ruga del cretino”, sono protagonisti o spettatori di fatti criminosi, di indagini, di colpi di scena che, come Picozzi ha brillantemente raccontato, chiamano in causa la criminologia, lo spiritismo e, addirittura, in un ruolo non di secondo piano, Cesare Lombroso, che, forte “ della validità scientifica” della sua teoria, si metterà di buona lena a misurare il cranio dei sospetti per trovare la soluzione del giallo…

Ma non sarà così!

Comunque ci conforta la garanzia che la Birce non morirà e che, forse, in un prossimo romanzo si sposerà e avrà tre o quattro figli.

Bene!

Allora: grazie a tutti i partecipanti, agli Autori, alla dott. ssa Chiara Milani, e al preside, prof. Giuliano Fontana che, molto gentilmente, ci ha ospitati nell’Aula magna della Scuola media.

Alla prossima!


Per visualizzare le foto della serata, clicca qui !

 

Post Navigation